Le prossime scadenze fiscali: 17 settembre 4 settembre 2018

Il 17 settembre 17 Novembreè un giorno che i contribuenti devono segnare sul calendario. Lo ricorda lo scadenzario di FiscoOggi il giornale on line dell’Agenzia delle Entrate che spiega come: “persone fisiche titolari di partita Iva, nonché le società di persone ed enti equiparati che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 2 luglio, devono versare la quarta rata delle imposte risultanti dai modelli Redditi e Irap 2018, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,82%, e del saldo dell’Iva relativa al 2017 risultante dalla dichiarazione annuale, maggiorata dello 0,40% per mese o frazione di mese per il periodo 16/3/2018 – 30/6/2018 e con successiva applicazione degli interessi nella misura dello 0,82%”.

“In quella data – prosegue FiscoOggi – coloro che, applicando la maggiorazione dello 0,40%, si sono avvalsi della facoltà di differire il pagamento di trenta giorni e hanno versato la prima e la seconda rata entro il 20 agosto devono provvedere al versamento della terza (con applicazione degli interessi nella misura dello 0,33%); devono provvedere alla seconda rata (con applicazione degli interessi nella misura dello 0,29%), invece, coloro che entro il 20 agosto hanno pagato solo la prima rata. Il versamento va eseguito tramite F24 con modalità telematiche. I modelli con saldo finale pari a zero e quelli con utilizzo di crediti in compensazione orizzontale devono essere presentati esclusivamente tramite i servizi “F24 web” o “F24 online”, attraverso i canali Fisconline o Entratel, oppure rivolgendosi a un intermediario abilitato; nelle altre ipotesi sono utilizzabili anche i servizi di internet banking di banche, Poste italiane, agenti della riscossione e prestatori di servizi di pagamento”.

“Infine, conclude FiscoOggi, i soggetti Ires con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare e approvazione del bilancio entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio, che hanno scelto il pagamento rateale effettuando il primo versamento entro il 2 luglio, devono versare la quarta rata delle imposte risultanti dai modelli Redditi Sc e Irap 2018, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,82%, e del saldo dell’Iva relativa al 2017 e, maggiorato dello 0,40% per mese o frazione di mese per il periodo 16/3/2018 – 30/6/2018 e con successiva applicazione degli interessi nella misura dello 0,82%. Terza rata (con applicazione degli interessi nella misura dello 0,33%) per coloro che, applicando la maggiorazione dello 0,40%, si sono avvalsi della facoltà di differire il pagamento di trenta giorni e hanno versato la prima e la seconda rata entro il 20 agosto; seconda rata (con applicazione degli interessi nella misura dello 0,29%) per coloro che entro il 20 agosto hanno pagato solo la prima rata. Il versamento va fatto tramite F24 con modalità telematiche. I modelli con saldo finale pari a zero e quelli con utilizzo di crediti in compensazione orizzontale devono essere presentati esclusivamente tramite i servizi “F24 web” o “F24 online”, attraverso i canali Fisconline o Entratel, oppure rivolgendosi a un intermediario abilitato; nelle altre ipotesi sono utilizzabili anche i servizi di internet banking di banche, Poste italiane, agenti della riscossione e prestatori di servizi di pagamento”.

Confesercenti Servizi RSS Feed Se questo articolo ti è sembrato interessante iscriviti al nostro RSS Feed per rimanere aggiornato sui nuovi articoli di Confesercenti Servizi.
Scritto da Confesercenti Servizi - © RIPRODUZIONE RISERVATA